Clicca un nostro sponsor

Sexy Shop Milano

Costumi Da Gattina

On Line Sexy Shop

Attrai,Conquista,Seduci

Facebook del Sesso

Mistress Dada Sreni

video porno
video porno gratis

Ippoporno

DigiSesso


Lo stallone

Filed under :Racconti

Quando fequentavo le elementari mia madre mi aveva affidato alle cure dei nonni perche` lei non aveva tempo per starmi dietro. Passavo il tempo, dopo aver fatto i compiti, andando a caccia di lucertole a cercare nidi coi miei cuginetti. O a spiare lo stallone quando gli portavano le giumente da ingravidare. Era un rito affascinante e per gli adulti molto eccitante visto quello che succedeva nella stalla. Dopo sedici anni il nonno era tornato dall`America, dove si era recato in cerca di fortuna, molto invecchiato e trovatosi a casa una famiglia numerosa non creata da lui si abbatte` e gli si incurvo` la schiena chino` il capo e lascio` tutto in mano alla pimpante e giovanile nonna. D`altronde aveva lasciata da sola una ragazza incinta di tre mesi e con tanta voglia in corpo di vivere la sua gioventu`. Il nonno non si era ancora imbarcato che gia` davanti casa si era formata la fila di arrapati giovanotti col cazzo ritto e pronti a fottere la bella sposina. Le notti erano fredde per cui fu facile per diversi giovanotti entrare in casa quindi nel letto e scaldare le ossa della povera sposina. Nacque cosi` il primo genito del marito seguito da parecchi altri frutto delle incursioni degli arrapati maschi del paese. Il nonno torno` e coi soldi guadagnati compro`un podere ed uno stallone per ingravidare le giumente dei dintorni che magari appartenevano a quei maschi che gli avevano ingravidata la moglie. Piu` lui appassiva piu` sua moglie si faceva bella. Quando fui ospite a casa loro vedevo la nonna giovanile e prosperosa sempre allegra e piena di vita. Quando qualcuno portava la giumenta la nonna ci scacciava per impedirci di assistere alla monta e piu` ci scacciava piu` desideravamo, io e due cuginetti e la loro sorellina, di vedere. Un giorno ci siamo nascosti sul fienile dentro la stalla e guardavamo da una finestrella polverosa. Cio` che vidio mi ha accompagnato per tutta la vita e mi ha in un certo senso segnato. Armando, era un possidente del paese, un tipo autoritario e pieno di boria forte del portafoglio pieno, porto` una giumenta alla prima monta. L`animale fu fatto entrare in un recinto dietro la casa e fu portato un asino per scaldarla. Pare che l`asino sia un ottimo corteggiatore e che con le sue leccate coi suoi ragli scaldi la cavalla altrimenti non disposta a farsi fottere dallo stallone. Quando la giumenta comincia a sollevare la coda ed ad aprire la fica viene legato all`esterno dello steccato lo stallone che sente la femmina in calore e si arrapa allungando un membro senza fine e grosso come un palo. Il cazzo del cavallo e` uno spettacolo della Natura e quando l`ho ammirato da grande immancabilmente mi sono eccitato e non so spiegarmi il perche`. Non ho voglia ne` di toccarlo ne` di succhiarlo ma mi eccita senza che io lo voglia. Il cazzo duro da` l`idea eela potenza del turgore e lo abatte contro la pancia per farsi una sega ed a questo punto bisogna avvicinarlo e fare in modo che non sborri. Inoltre anche l`asino ha il cazzo duro e cerca di montare la giumenta e compito della nonna era quello di badare che non lo infili e faccia godere la femmina e che lo stallone non goda prima di penetrarla. E` un momento delicato ed anche pericoloso perche` gli animali possono mordere chi li avvicina e perfino mordersi tra loro. Immaginate la reazione di un uomo al quale viene impedito di fottere la donna nuda che stringe tra le braccia. I movimenti sono sempre gli stessi e non bisogna sbagliare. La nonna porta fuori dal recinto l`asino che raglia la sua rabbia, porta dentro lo stallone e lo aiuta ad infilare il grosso palo nella fica spalancata, da solo non riuscirebbe e la maggior parte delle volte sborrerebbe fuori, una volta che lo stallone stringe tra i denti la criniera della cavalla ed il cazzo e` ben fissato nella matrice lo si puo` lasciare consumare tranquillo il suo coito per pensare al poverino che continua a ragliare e strazia il cuore il cuore. Tutto questo tempo Armando e` appoggiato ad un ciliegio e fuma una sigaretta senza osare avvicinarsi. Mentre lo stallone fa il suo dovere di inseminatore la nonna conduce l`asino nella stalla ed una volta legato alla greppia si china sotto la pancia gli afferra il grosso cazzo in piena erezione e glielo mena per farlo sborrare. Non lo facesse l`animale impazzirebbe, e chi non impazzirebbe a togliere la donna da sotto nel momento culminante di una chiavata? La nonna mentre smanetta il cazzo nero si passa una mano sul petto e strizza i seni opulenti perche` maneggiare quel grosso arnese le mette addosso una certa frenesia che le fa luccicare gli occhi e sbavare la bocca. Lo sa bene Armando che l`ha seguita e la sta osservando. Appena ci accorgiamo di lui ci nascondiamo meglio e tratteniamo il respiro certi che succedera` qualcosa di interessante, qualcosa di cui abbiamo sempre sentito parlare ma mai visto. La nonna ci preoccupa, sbatte la testa da una parte e dall`altra mentre martoria i seni con una mano infilata nella scollatura. Non sappiamo se e` d`accordo coll`uomo che le si e` avvicinato ha abbassato i pantaloni ed ha tirato fuori un grosso cazzo nodoso. Le solleva la gonna, a quanto pare la nonna era gia` in attesa perche` e` senza mutande e vediamo alla luce del sole che entra dalla finestrella la pelle bianca delle chiappe che l`uomo ha scoperte e mentre le allarga vediamo affondare il cazzo con un colpo secco. La nonna, china sotto la pancia dell`asino , si regge stringendo il cazzo mentre Armando affonda con forza il grossso strumento. Vediamo l1asta brillare per l`umore della fica e sentiamo chiaramente la nonna invocare “piu` forte piu` in fondo” con l`uomo che cerca di accontentarla. Il ritmo della sega all`animale aumenta fino a che il povero asino schizza con violenza un getto di crema gialla e nauseabonda chela nonna schiva Armando geme sospira rantola e con un grugnito si irrigidisce sui piedi ed affonda nel corpo di nonna fino alle palle. La povera donna lascia il cazzo dell`asino che sborra simile ad una canna dell`acqua appoggia le mani per terra alza di piu` il culo per sostenere gli affondi e per ricevere l`attrezzo piu` in fondo. Non si muovono per un pezzo poi piano piano Armando estrae il cazzo fumante ancora gocciolante e lo spinge verso la bocca di nonna perche` glielo pulisca. Obbediente nonna lo accoglie e lo succhia fino a restituirlo pulito e terso colla capocchia luccicante poi mano nella mano escono dalla stalla e raggiungono lo stallone che sta ritirando il cazzo e la ghiumenta cerca di leccare lo sperma che le cola dalla fica. Coi miei cuginetti siamo rimasti nascosti fino all`imbrunire preoccupati di non far sapere che avevamo visto cose che era meglio non vedere. Siamo entrati in casa mentre il nonno sedeva pensieroso accanto al camino e la nonna cantava allegra sfaccendando felice.